Il-Trafiletto

20/10/17

Allarme malattie sessualmente trasmesse in Italia

Fonte - Tgcom24 - Malattie sessualmente trasmesse (Mst) sempre più in aumento in Italia, su tutti la sifilide, cresciuta del 400% dal 2000. 


E se i casi da virus hiv sono stabili tra i giovani, un picco di nuove infezioni si registra tra gli over 50.


La gonorrea, invece, ha visto quasi raddoppiare i casi in Europa tra il 2008 al 2013. L'allarme arriva dal 56mo congresso dell'Associazione Dermatologi Ospedalieri (Adoi).

Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità ogni anno l'impatto di quattro Mst, tra le più diffuse, corrisponde a 498,9 milioni di nuovi casi.

Questo vuol dire che nel mondo oltre un milione e mezzo di persone ogni giorno si ammala per una Mst.

In Italia, secondo i dati dell'Istituto Superiore di Sanità, negli ultimi anni i casi di Mst sono sempre aumentati, passando dai circa 3500 del 2006 ai circa 6500 del 2013.

Leggi articolo originale

18/10/17

Aereo prende fuoco motore: paura aeroporto Fiumicino

Fonte - Tgcom24 - Allarme per un airbus di una compagnia portoghese a cui, in fase decollo dall'aeroporto Leonardo da Vinci di Fiumicino, è andato a fuoco un motore. 


Lo riferiscono i vigili del fuoco.


In pochissimi minuti si è attivato l'impianto di soccorso dei pompieri del Comando di Roma e l'aereo è stato messo in sicurezza.

Non risulterebbero feriti tra le 7 persone di equipaggio e i 171 passeggeri a bordo.

Leggi articolo originale: https://www.msn.com/it-it/notizie/italia/fiumicino-fiamme-a-motore-aereo-in-fase-decollo-passeggeri-illesi/ar-AAtEQNo?li=BBqg6Qc

17/10/17

L'Uomo di Neve: storia macabra di omicidi

Un giallo macabro tra i ghiacci norvegesi, ma è evidente la gestazione problematica. Drammatico - Gran Bretagna, 2017. Durata 119 Min. Un film di Tomas Alfredson. Con Michael Fassbender, Rebecca Ferguson, Charlotte Gainsbourg, Chloë Sevigny, Val Kilmer, J.K. Simmons, James D'Arcy, Toby Jones.
Uscita giovedì 12 ottobre 2017. Oggi in 365 cinema ❯ distribuzione Universal Pictures. Il film è l'adattamento cinematografico dell'omonimo romanzo del premiato autore norvegese Joe Nesbø. Un ragazzo viene abbandonato da un padre violento e insensibile, mentre la madre si suicida: con lui resterà solo un pupazzo di neve, inquietante presagio di orrore e infelicità. Un poliziotto della Omicidi, celebre per i casi impossibili risolti con successo, riceve un messaggio scritto da un certo "uomo di neve", che ha tutta l'aria di una minaccia incombente. Continua http://www.mymovies.it/film/uscita/ottobre/2017/»

15/10/17

Sconfitta casalinga Juve prova maturità Lazio superata

Fonte - La Gazzetta dello Sport - Sconfitta casalinga Juve, prova di maturità superata, nonostante lo spavento nel finale che rischiava di rovinare una gran prestazione. 


Sì, perché ingenuità di Patric a parte, allo Stadium la Lazio ha trovato le risposte che cercava:


è una squadra compatta, ha accelerazioni letali e la personalità giusta per reagire allo svantaggio e ribaltare la Juventus.

Simone Inzaghi ha tanti motivi per sorridere dopo il 2-1 con cui ha sbancato la casa bianconera, e a Mediaset Premium svela cosa ha detto ai suoi all'intervallo.


"Ci siamo parlati e hanno capito che potevano fare di più negli ultimi 16 metri. Avevamo fatto un buon primo tempo ma per vincere dovevamo fare qualcosa di più. Ho chiesto ai ragazzi di giocare divertendosi, come sanno fare".

Non mancano ovviamente i complimenti rivolti ai giocatori:

"Questi ragazzi hanno fatto qualcosa che rimarrà nella storia, è giusto che si parli di loro. Anche se nell'ultimo quarto d'ora mi hanno fatto perdere la voce...".

Inzaghi si toglie anche qualche sassolino dalla scarpa:

"Non è mai semplice vincere allo Stadium, c'è un motivo se sono tre anni (in realtà l'ultima sconfitta bianconera in casa era datata 23 agosto 2015, ndr) che nessuno ci riesce. Se adesso si può parlare di Champions? E' giusto che i ragazzi si godano questa impresa, all'inizio del campionato ci dicevano che eravamo da nono, decimo posto. Adesso è giusto che si parli di noi".

Leggi articolo originale

13/10/17

Blade runner 2049: storia di replicanti

Vi trovate nella nebbia fitta, e vi guardate attorno con fare sospetto, ignari di cosa possa accadere ma pronti a qualsiasi evenienza, anche al peggio.

Davanti a voi la desolazione più profonda, putridi ammassi di immondizia e fumi nauseabondi, i resti di un mondo che ormai vive soltanto insieme al ricordo dei vostri avi. Questo lontano dalle metropoli, in quelle che un tempo erano considerate rigogliose campagne coltivate. Nelle città i fumi sono ancora più spessi, la pioggia acida si abbatte violenta e rancida sulla vostra testa e gli unici colori provengono dai grandi schermi elettronici al servizio della pubblicità.

Ologrammi nel migliore dei casi, pronti a materializzarsi ad un palmo del vostro naso per offrirvi bibite gassate, noodles cinesi di dubbia natura, amore a buon mercato, sempre che abbiate un cuore e un'anima per amare. L'agente K non ha nulla di tutto questo, è un replicante di eccellente fattura, una versione legale e approvata che non a caso presta servizio nella polizia di Los Angeles. Nella sua sterile vita ha un solo compito, oltre a nutrirsi di pietanze e manicaretti virtuali: dare la caccia a vecchie unità in disuso, androidi banditi dalla società che meritano soltanto la distruzione. L'anno è il 2049 e chi fa un mestiere simile viene ancora chiamato Blade Runner.http://cinema.everyeye.it/articoli/recensione-blade-runner-2049-futuro-donna-d-autore-35281.html

11/10/17

Luxuria vs Asia Argento botta e risposta

Fonte - Il Gazzettino - Botta e risposta al vetriolo su Twitter fra Asia Argento e Vladimir Luxuria. 


Tutto nasce dalla denuncia pubblica della figlia del maestro dell'horror, Dario Argento, che ha raccontato al New Yorker delle molestie ricevute dal produttore americano Harvey Weinstein, che a partire dal 1997 (quando Asia aveva 21 anni) l'avrebbe costretta ad avere rapporti sessuali.


«Non ho detto nulla finora perchè avevo paura che potesse distruggermi come ha fatto con molte altre persone. Che potesse rovinare la mia carriera», ha spiegato la Argento, che si è unita al coro di denunce piovute da varie attrici di Hollywood, fra cui Angelina Jolie e Gwyneth Paltrow, contro Weinstein.

Uno sfogo a cui sono seguite molte manifestazioni di solidarietà. Qualcuno però si è dissociato dal coro: è il caso di Vladimir Luxuria, che ha risposto ad Asia Argento via Twitter.

«#AsiaArgento avrebbe dovuto dire NO a #Weinstein come hanno fatto altre attrici, le donne devono denunciare lo diceva lei a Amore Criminale!», ha scritto l'ex parlamentare sul social network. Poco dopo è arrivata la risposta dell'attrice: «Non posso credere che scrivi una cosa del genere. Evidentemente non sei mai stata violentata, non hai mai provato terrore e vergogna».

Leggi articolo originale

09/10/17

Lutto mondo cinema morto attore commedia francese

Fonte - Corriere della Sera - Uno dei più versatili, affascinanti, spiritosi attori del cinema e del teatro francese, Jean Rochefort, parigino classe 1930, compagno al Conservatorio di Belmondo (con cui girerà Cartouche) è morto a 87 anni. 


Una carriera piena di titoli, circa 150 film e tre premi Cèsar oltre a uno alla carriera.


Una simpatia elargita prima come attor giovane, poi come uomo rimasto giocherellone, sempre a patti ironici con la vita, infine come un vecchio che non accetta di invecchiare e mette a dura prova figli e nipoti.

Alto e ossuto, con la malizia dentro nel dna, Rochefort ha seguito contemporaneamente una carriera teatrale e cinematografica con eguale successo.

Sugli schermi è l’attore favorito della commedia alla francese, piena di gag, con registi come Yves Robert, raggiungendo la popolarità anche da noi con titoli come

Certi piccolissimi peccati dove era il classico marito infedele alla francese, ma facendo parte anche della serie di Angelica e dando un’ottima prova drammatica con Philippe Noiret diretto da Tavernier in L’orologiaio di Saint Paul (il commissario) e Che la festa cominci (un abate intrigante per cui vinse il premio Cèsar, che rivinse poi con L’uomo del fiume).  

Leggi articolo originale
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non opere derivate 3.0 Italia.