Il-Trafiletto

23/05/17

Gnocchi di ricotta e carciofi

Carciofi e ricotta un mix che renderanno questi gnocchi una vera delizia. Da provare in questa stagine che regala ancora delle bellissime "mammole"


Ingredienti
300 gr di carciofi freschi
200 gr di ricotta di pecora
150 gr di prosciutto dolce
1 cipolla piccola
3-4 cucchiai di parmigiano reggiano
noce moscata
sale
pepe bianco
farina
latte
burro
1 uovo

Affettate i carciofi in spicchi sottili e fateli soffriggere dolcemente in un tegamino di pyrex, dove avrete fatto appassire la cipolla tritata. Nel frattempo passate al tritatutto il prosciutto tagliato a pezzetti e privato del grasso; lavorate poi in una ciotola la ricotta con un cucchiaio di legnoe un po' di latte (poco) per renderla cremosa, salatela, aggiungete un po' di noce moscata e lesciatela riposare. Dopo circa un quarto d'ora controllate la cottura dei carciofi che non devono assolutamente abbrustolire, se necessario, aggiungete un po' d'acqua e aggiustate di sale e pepe.

Quando saranno pronti, cioè tenerissimi, quasi sfatti, toglieteli dal fuoco e poneteli su carta da cucina per far assorbire l'unto in eccesso; dopo una mezz'ora, una volta raffreddati passate i carciofi al tritatuttto. Riunite quindi, prosciutto, ricotta e carciofi in una terrina più grande e amalgamate bene, incorporandovi un tuorlo e un po' di farina a pioggia; lavorate con dolcezza l'impasto per renderlo liscio e omogeneo ma abbastanza consistente. Aggiungete il parmigiano, un'altra spolveratina di noce moscata, e se necessario sale e pepe. Cominciate quindi a preparare gli gnocchi: prendete il composto a cucchiaiate e lavoratelo con le mani infarinate per dargli forma rotonda; e così via uno dopo l'altro mettendoli su un piatto senza sovrapporli.

Una volta terminato l'impasto potete surgelarli, spolverate una teglietta di allumionio con un po' di farina, fate uno strato di gnocchi, coprite con un foglio di cellophane e metteteli nel freezer, quando solidi abbastanza fate ilsecondo strato e più tardi ancora, se occorre, il terzo. Il giorno dopo potrete riunire tutti gli gnocchi in un unico sacchetto. Quando deciderete di cucinarli, potrete farlo direttamente senza scongelarli. Fate bollire un pentola d'acqua salata, e raggiunto il bollore tuffatevi gli gnocchi, quando torneranno a galla, saranno pronti. Nel frattempo fate fondere 50-60 gr di burro in un pentolino, scolate gli gnocchi e cospargeteli di burro e parmigiano. Se volete evitare il burro, potete sempre condirli con una buona e semplice salsa di pomodoro.

22/05/17

Tutto quello che vuoi: storia di un vecchio poeta colpito da Alzheimer

"Tutto quello che vuoi racconta la storia di Giorgio, un carismatico poeta di ottantacinque anni, un intellettuale che non ha mai guadagnato grandi fortune ma che è stato amico di Sandro Pertini e ha vissuto grandi slanci e potenti passioni prima di essere colpito dal morbo di Alzheimer, che a poco a poco lo sta privando della lucidità.

È ospite di una generosa padrona di casa, ovvero Raffaella Lebboroni, che, accortasi col tempo della sua crescente vulnerabilità, finisce col convincersi che lui abbia bisogno di qualcuno che lo accudisca, una sorta di badante. Gli propone così la compagnia di Alessandro, interpretato dall'esordiente Andrea Carpenzano, un ruspante ventenne trasteverino piuttosto ignorante, testardo e litigioso. Si tratta di due tipi inconciliabili per età, cultura, storie personali e modi di essere e di parlare, ma, una volta chiamato ad occuparsi di Giorgio, Alessandro finirà con......http://cinema.everyeye.it/articoli/recensione-tutto-quello-che-vuoi-del-film-francesco-bruni-33347.html

21/05/17

Colera: Medici senza frontiere denuncia epidemia nello Yemen

Colera: Medici senza frontiere denuncia un'epidemia di colera nello Yemen. Non è la prima volta che l'organizzazione umanitaria lancia il grido d'allarme

Con l'aumento dei casi di colera e diarrea acquosa acuta, avverte Msf, l'epidemia rischia di andare fuori controllo, ed è necessaria una risposta urgente e adeguata. Secondo l'Oms (Organizzazione Mondiale della Sanità), il numero di casi sospetti è più che raddoppiato negli ultimi cinque giorni, da 11.000 il 14 maggio a più di 23.500 il 19 maggio. La malattia è ora diffusa in 18 dei 22 governatorati del Paese. Le équipe di Msf hanno curato 3.092 pazienti in 4 centri e 9 unità sanitarie per il colera. Ma "la rapida diffusione dell'epidemia è estremamente allarmante - afferma Ghassan Abou Chaar, capo missione di Msf in Yemen - Il sistema sanitario yemenita era già al collasso. Per riportare sotto controllo l'epidemia non basta curare chi raggiunge gli ospedali. Bisogna anche affrontare l'origine della malattia, migliorando l'acqua e l'igiene e lavorando nelle comunità per evitare nuovi casi". fonte Ansa.it

 

20/05/17

Qualcosa di troppo: una questione di sesso

Dal recentissimo Moglie e marito interpretato da Pierfrancesco Favino alla teen comedy a stelle e strisce Boygirl - Questione di... sesso, datata 2006, di storie riguardanti un uomo che si ritrova nel corpo di una donna e viceversa ne abbiamo viste non poche nel corso di oltre centoventi anni di immagini in movimento sul grande schermo.

Al suo secondo lungometraggio da regista, dopo il non esaltante 11 donne a Parigi, l'attrice d'oltralpe Audrey Dana decide di affrontare l'argomento rendendosi protagonista di quasi un'ora e quaranta di visione che, però, ricorre ad una prospettiva inedita e piuttosto originale, in un certo senso associabile addirittura ad una rilettura ribaltata del moraviano Io e lui. Perché, nei panni di una madre fresca di divorzio, lontana dai figli una settimana su due e che non vuole più sentire parlare di uomini, in Qualcosa di troppo vede la sua vita prendere improvvisamente una inaspettata svolta quando, un bel giorno, si sveglia scoprendo con non poco stupore che le è spuntato un...http://cinema.everyeye.it/articoli/recensione-qualcosa-troppo-della-commedia-audrey-dana-33316.html

19/05/17

Quali sono le migliori utilitarie con cambio automatico

Cambio automatico, ora è per tutte sino a pochi anni fa trovare una compatta o un’utilitaria dotata del cambio automatico era facile quanto cimentarsi nella ricerca del classico ago nel pagliaio. 


O meglio, qualche vettura prevedeva sì questo genere di trasmissione, ma quasi sempre del tipo a variazione continua, quindi con un effetto frullatore che uccideva qualsiasi piacere di guida.

Il debutto sul mercato di svariate soluzioni robotizzate, spesso lente quanto la Quaresima, non ha cambiato il panorama generale, ma ha comunque contribuito a rafforzare l’idea che possedere un’auto da città non significa necessariamente dover lottare con il pedale della frizione.
La svolta, in epoca moderna, è consistita nell’introduzione delle prime unità a doppia frizione e, ancor più recentemente, del tipo mediante convertitore di coppia, derivate da modelli ben più costosi e performanti.
Un’evoluzione che, oggi, consente di scegliere tra una miriade di vetture compatte a trasmissione automatica.
Ecco i migliori 15 modelli.
  • Alfa Romeo MiTo
  • Audi A1 Sportback
  • Citroën C3
  • Fiat Panda
  • Ford Fiesta
  • Mazda2
  • MINI 5 porte
  • Opel Corsa
  • Peugeot 208
  • Renault Clio
  • Seat Ibiza
  • Skoda Fabia
  • Suzuki Swift
  • Toyota Yaris
  • Volkswagen Polo
Leggi articolo originale

18/05/17

Star del cinema in vetrina a Cannes 2017: da Kristen Stewart a Nicole Kidman

Pioggia di star sulla Croisette per la 70/ma edizione del Festival di Cannes. Già a elencare i nomi presenti nelle varie giurie si potrebbe esaurire il capitolo: da Jessica Chastain, Will Smith, al presidente Pedro Almodovar, oltre a Una Thurman a Un Certain Regard, solo per citarne alcune. 


Ma prima di tutto la madrina, la nostra Monica Bellucci, protagonista sia del galà del 17 maggio che di domenica 28.

L'elenco delle star quest'anno è lungo. Si comincia con l'apertura de "Les fantomes d'Ismael" di Arnaud Desplechin che porterà sulla Montee des Marches Marion Cotillard, Charlotte Gainsbourg, Louis Garrel e la nostra Alba Rohrwacher.
Si prosegue con Tilda Swinton, Jake Gyllenhaal, Paul Dano per lo sci-fi "Okja" del coreano Bong Joon-ho.

Nicole Kidman è senza dubbio la reginetta di questa edizione, protagonista con tre film, di cui due in concorso, "L'Inganno" di Sofia Coppola e in "The Killing of a Sacred Deer" di Yorgos Lanthimos e una serie tra gli eventi speciali," Top of the lake:
China Girl" di Jane Campion.
Vedremo Kristen Stewart, ormai habitué di Cannes, negli insoliti panni di regista, nell'esordio con il corto "Come Swim".

Dagli Stati Uniti arrivano Joaquin Phoenix protagonista di "You were never really here" della scozzese Lynne Ramsay, il cast all star di "The Meyerowitz Stories" di Noah Baumbach con Dustin Hoffman, Ben Stiller, Adam Sandler, Emma Thompson e Candice Bergen.

 Leggi articolo originale

17/05/17

Un calzone da vero esperto fatto in casa

Non è necessario essere esperti pizzaioli per fare un buon calzone in casa e farlo come lo fanno in pizzeria. Provate questa semplice ricetta, seguitela alla lettera e vi troverete soddisfatti.



Ingredienti

700-800 gr di pasta di pane
2-3 mozzarelline ciliegine
150 gr di prosciutto crudo saporito
2 cucchiai di parmigiano grattugiato
1 uovo

Tritate il prosciutto e le mozzarelline, mischiateli con il parmigiano e l'uovo formando un impasto omogeneo che dividerete in 6 parti di circa un grosso cucchiaio l'una. Stendete la pasta lievitata in 6 dischi di circa 13-14 cm di diametro, ponete su ciascuno un cucchiaio d'impasto (o poco più se c'è spazio) ripiegandoli a mezza luna, rigirando all'interno la pasta sul bordo, premendolo bene (è determinante) per la larghezza di 1 cm circa, e docoratelo con tacche parallele usando la lama di un coltello.

Surgelateli così avendo l'accortezza di tenerli separati l'uno dall'altro: in un secondo momento potrete riunirli in un sacchetto di plastica per alimenti. Successivamente potrete scongelarli nel forno o friggendoli direttamente; se però avete il tempo di scongelarli la sera prima, teneteli comunque in frigorifero, altrimenti la pasta risulterà appiccosa.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non opere derivate 3.0 Italia.